Corrosione

Le bombole tipo 4 CTS S.p.A. sono caratterizzate da un’elevata resistenza alla corrosione e agli agenti corrosivi.

Innanzitutto essendo caratterizzate dalla presenza di un’anima interna (liner) in materiale plastico, e non metallico. Il pericolo di ossidazione dell’anima interna, sempre presente per le bombole tipo 1, tipo 2 e tipo 3, non esiste nelle bombole tipo 4 di CTS S.p.A. Il classico problema dell’ossidazione che prima o poi si verifica inesorabilmente in tutte le bombole di vecchia generazione, o meglio il problema che l’anima interna generi dell’ossido a causa dell’umidità dell’aria e che questo nel tempo e con gli utilizzi si distacchi creando il pericolosissimo rischio di ostruzione della valvola, con le bombole tipo 4, grazie all’innovazione ottenuta con l’utilizzo di un’anima interna in materiale plastico è stato definitivamente eliminato.

Altro significativo benefit contro la corrosione è fornito dal ricercato materiale con cui vengono realizzati i pochi, ma importanti, componenti metallici della bombola CTS: i bocchelli per l’avvito valvola. Le bombole CTS presentano un bocchello esterno reso solidale alla bombola attraverso il particolare avvolgimento in materiale composito e il bocchello interno, avvitato saldamente al bocchello esterno, questo componente intercambiabile permette l’installazione della valvola in massima sicurezza e garantisce la perfetta tenuta del gas contenuto nella bombola grazie al suo particolare design brevettato da CTS S.p.A. Entrambi questi due componenti vengono prodotti utilizzando una ricercata lega di alluminio che poi viene anodizzata. Il materiale e il trattamento scelti consentono a questi componenti di raggiungere straordinari risultati sia relativamente alla resistenza meccanica che relativamente alla corrosione, infatti la bombole CTS S.p.A. e chiaramente i suoi componenti hanno ampiamente raggiunto i seguenti obiettivi:

  • Ottenimento dell’omologazione per utilizzo subacqueo con superamento della prova nr. 7 della norma UNI EN 12245
  • Superamento del test in nebbia salina a 336 ore secondo norma ASTM B 117

Inoltre, la lega di alluminio e il trattamento scelti evitano la generazione di pericolose celle galvaniche, famose per la generazione di fenomeni corrosivi elettrochimici, e permettono alle bombole CTS S.p.A. di rispettare i requisiti della normativa STANAG 2897 importante normativa nel settore militare riguardante la presenza di campi magnetici residui. Ultimo, ma non per questo meno importante, è la resistenza alla corrosione delle calotte e delle guaine che costituiscono la finitura superficiale delle bombole CTS S.p.A. La scelta dei materiali utilizzati per la finitura delle bombole CTS S.p.A. è stata guidata dai seguenti aspetti:

  •  elevata resistenza alla fiamma;
  • ottima resistenza agli urti;
  • notevole estetica per la finitura superficiale;
  • estrema facilità di pulizia e igienizzazione.

Le finiture delle bombole CTS S.p.A., calotte e guaine, oltre alle suddette peculiarità resistono ad una vasta gamma di agenti corrosivi, come ad esempio cloruro di sodio, acido solforico, acido nitrico, idrossido di sodio. Dove applicabile, le proprietà delle suddette finiture delle bombole CTS S.p.A. sono state testate e certificate dal fornitore secondo le normative e i rispettivi metodi di test: ASTMD 570; BS EN 60695; ISO1817; ISO37; KM M 3406; UL94; UL224; UL746; UL749; UL 2157.

Scarica la scheda tecnica